Privacy Policy

Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Codice spettacolo, approvato ODG Panizza su agevolazioni fiscali e sostegno per il volontariato culturale

19/09/2017

“Grazie a un ordine del giorno da me promosso, il Governo si è impegnato a valutare con la prossima legge di Bilancio l’introduzione di detrazioni fiscali ed altre risorse a favore del volontariato culturale.”

Così in una nota il segretario politico del PATT e vicepresidente del Gruppo per le Autonomie, sen. Franco Panizza.

“Con la legge sul codice dello spettacolo – spiega Panizza – viene riconosciuta la centralità di tutti quei soggetti e forme culturali che operano per l’inclusione sociale, per la qualità della vita e la crescita, anche in termini di caratterizzazione turistica, dei territori. Tuttavia questi soggetti, che operano a carattere volontario, negli anni hanno visto ridursi le risorse disponibili. E le loro attività sono possibili grazie soprattutto ai contributi dei sostenitori e all’impegno, del tutto gratuito, dei singoli.

Nell’ordine del giorno approvato – che il senatore Panizza ha illustrato in aula direttamente al Ministro Franceschini – si parla di introdurre agevolazioni fiscali per le realtà bandistiche, corali, filodrammatiche, coreutiche e folkloristiche per l’organizzazione di corsi di formazione, per i compensi da riconoscere ai collaboratori tecnici che effettuano prestazioni a carattere intermittente.

Ma si parla anche di detrazioni fiscali a favore delle famiglie per l’iscrizione dei figli a corsi di formazione, alla stessa stregua di quanto accade per lo sport, così come della revisione del diritto d’autore in favore delle organizzazioni di volontariato e delle associazioni di promozione sociale, per le iniziative, a scopo benefico, di libera esecuzione dal vivo di brani musicali.

Allo stesso tempo si deve rendere permanente la possibilità per i contribuenti di scegliere le associazioni culturali a cui assegnare il due per mille della dichiarazione dei redditi. Si tratta di una possibilità di finanziamento a cui le associazioni e l’intero mondo del volontariato guardano con favore, anche perché le sollecita a lavorare sempre più e meglio, in un rapporto di ancora maggiore sinergia coi cittadini e col territorio. Su questo sono fiducioso, sia perché già la Commissione Cultura aveva accolto un altro mio ordine del giorno e perché l’impegno del Governo su questo punto è stato ribadito in aula.

Alla legge di Bilancio – conclude Panizza – presenterò degli specifici emendamenti affinché gli impegni si trasformino in fatti. Il volontariato culturale vive grazie all’impegno, alla passione e alle competenze di tantissime persone alle quali dobbiamo esseri grati per il contributo che danno alla qualità della vita delle nostre comunità, alla promozione turistica e all’immagine del nostro Paese. Quindi bene questa legge che ne riconosce il valore e mette in campo degli strumenti significativi, anche in chiave di semplificazione normativa. Ma adesso dobbiamo impegnarci tutti per rafforzarne le risorse e metterli nelle condizioni di poter operare sempre più e meglio.”

19 settembre 2017