Privacy Policy

Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

(per il programma relativo alle elezioni politiche del 4 marzo 2018, clicca qui)

Sulla base del nostro programma per le elezioni provinciali 2013, ecco cosa stiamo facendo in questa legislatura:

LA NOSTRA RESPONSABILITÀ NEL GUIDARE L’AUTONOMIA

Quali sono stati i principali risultati del Governo provinciale guidato dal presidente Ugo Rossi? E cosa significa per noi autonomisti esserci assunti la responsabilità di guidare la Provincia?

Senza il nostro contributo, senza l’asse istituzionale con Bolzano, senza l’alleanza politica con la SVP e il Governo nazionale, la nostra autonomia avrebbe corso grandi rischi.

Oggi possiamo dirlo con orgoglio: siamo riusciti a metterla al riparo in un momento delicatissimo, in cui non era affatto facile né scontato metterci la faccia e compiere scelte coraggiose quanto a volte impopolari.

Perché raccogliere il consenso, senza assumersi la responsabilità delle decisioni, può essere semplice. Ma questa cultura politica non ci appartiene, non può essere quella degli autonomisti che, al contrario, vogliono essere protagonisti nella propria terra senza delegare ad altri le decisioni. Noi siamo il partito che mette al centro l’interesse del Trentino, anche a costo di pagarne il prezzo più alto. La responsabilità per noi non è una parola vuota, ma appartiene al DNA del pensiero e della storia autonomista.

Non basta: fino a quando continuerà a soffiare sul Paese il vento dell’antipolitica – che vede nella nostra autonomia il più odioso dei privilegi – non saremo al sicuro. Dobbiamo continuare a spenderci con tutte le nostre forze per la tutela e la crescita di una specialità che non rincorre chiusure egoistiche, ma investe sull’apertura per misurarsi con le sfide di un mondo in rapida evoluzione.

Deve essere un partito territoriale come il PATT, che ha quel radicamento che altre organizzazioni politiche, sociali e di rappresentanza di interessi, per varie ragioni, anche di trasformazioni storiche, non hanno o hanno in modo parziale, a promuovere un nuovo patto sociale, che rimetta in circolo la fiducia tra cittadini e Istituzioni, che permetta alle nostre comunità di affrontare e vincere le sfide enormi che abbiamo davanti. Sfide avvincenti, in cui un territorio come il nostro ha tutte le carte in regola per giocare la sua partita, per caratterizzare ancora di più la propria vocazione e per vivere questa cruciale fase di passaggio come un’opportunità e non come una minaccia. Sfide nelle quali l’autonomia, nel suo essere modello di governo diffuso, possa esprimere il meglio nel valorizzare le molte risorse di cui sono ricche le nostre comunità, le nostre città e le nostre valli.

Per questo dobbiamo fare sempre di più e meglio: per spiegare a tutti che l’autonomia non è il problema ma la soluzione, perché responsabilizza le comunità, le rende artefici del proprio destino. Non può esserci una forte autonomia senza un forte partito autonomista. Ecco perché dobbiamo coltivare il progetto di un PATT che sappia parlare a tutte le persone disponibili a spendersi con competenza, passione e generosità, per essere davvero, come fu l’ASAR, “il partito dei Trentini”. Non rimettendo in discussione alleanze politiche ormai consolidate – questo deve essere chiaro – ma per dare un contributo più ampio e partecipato alla causa comune della difesa e della valorizzazione dell’Autonomia.

Dobbiamo perciò vivere quest’ultimo anno di legislatura provinciale e regionale consci dei risultati ottenuti, evidenziati concretamente in queste pagine, per concludere al meglio il mandato che ci è stato affidato dagli elettori, affrontando le questioni ancora aperte e portando avanti i tanti progetti programmati, quale miglior biglietto da visita per presentarci di nuovo agli elettori.

Siamo arrivati al Governo della Provincia a pochi mesi di distanza dalla più difficile crisi economica che l’Italia ricordi, quella che ha rischiato di mandare in default il Paese. Una crisi che ha duramente colpito il sistema imprenditoriale, che ha ridotto gli spazi occupazionali, che ha portato ad un innalzamento della pressione fiscale, che ha tagliato i fondi per gli enti locali. In pochi anni siamo passati dai 9 decimi del gettito fiscale previsti dallo Statuto di Autonomia, ai 7,5 decimi disponibili, con una riduzione drastica, pesante, immediata delle risorse per la nostra comunità.

Abbiamo risposto alle minori risorse disponibili con tre prospettive strategiche:

  • fare meglio, anche con meno risorse, per noi è insieme una necessità e una sfida;
  • essere sempre più la terra dell’innovazione senza sprechi e con una fortissima attenzione ai risultati e ai tempi di realizzazione;
  • fare della ricerca del benessere della collettività e della coesione sociale la nostra più grande priorità, perché non esiste bene più prezioso.

Con coraggio e senso di responsabilità, abbiamo dovuto rivedere le scelte precedenti ed operare una seria selezione delle priorità, mettendo in campo le prime importanti riforme strutturali.

A ROMA CON SERIETÀ E FERMEZZA

Nonostante un contesto difficile, siamo riusciti a far approvare importanti norme di attuazione che hanno rafforzato la nostra Autonomia e ampliato le nostre competenze: da quella primaria in materia di tributi e finanza locale (siamo gli unici in Italia ad averla) all’amministrazione della Giustizia, dalla regolamentazione degli appalti ai contratti pubblici e alla pianificazione commerciale, dalla gestione provinciale del Parco dello Stelvio alla regolamentazione dell’attività venatoria.

Siamo riusciti ad ottenere il finanziamento nazionale per la ciclabile del Garda, l’impegno per l’elettrificazione della Ferrovia della Valsugana, l’impegno per il rinnovo della concessione dell’autostrada del Brennero, che porterà 3,5 miliardi di euro di investimenti ed al contempo al controllo del corridoio più importante d’Europa.

Con il “Patto di garanzia” del 2014 abbiamo messo un punto fermo nei rapporti finanziari con lo Stato e posto confini certi al concorso richiesto annualmente alla Provincia Autonoma di Trento per il risanamento dei conti pubblici nazionali. Abbiamo inoltre ottenuto certezze per le risorse disponibili e quindi programmabili per gli anni futuri. Nel 2014 è stato rimosso il contenzioso con il Governo nazionale e abbiamo ottenuto la possibilità di attivare il credito d’imposta.

Con il 2018 cesserà per la nostra Provincia il vincolo del patto di stabilità e si libererà così un miliardo di euro che potremo impiegare per lo sviluppo del territorio. Ma non basta. Adesso l’obiettivo primario è la norma di attuazione sulle agenzie fiscali, perché senza la gestione delle entrate non ci può essere un’autonomia compiuta.

Inoltre, con la presidenza di Ugo Rossi, è stato dato un nuovo e forte slancio al progetto dell’Euregio, nella logica di un Trentino a vocazione mitteleuropea interconnesso all’Europa che cresce, per lo sviluppo di politiche transfrontaliere strategiche per migliorare la mobilità e la tutela dell’ambiente ed accrescere la qualità dei nostri servizi, le opportunità economiche e commerciali, le prospettive della ricerca, gli scambi culturali, le iniziative scolastiche e formative.

UN’AMMINISTRAZIONE PIÙ EFFICIENTE

A fronte delle minori risorse disponibili, la nostra macchina amministrativa e istituzionale rischiava di diventare insostenibile. Per questo abbiamo voluto una serie di riforme per ridurre le spese e garantire gli stessi standard di efficienza.

  • Il numero dei Comuni è diminuito dai 210 del 2015 agli attuali 176 e ai 166 del 2020. Abbiamo agevolato i Comuni più piccoli nell’associarsi per la fornitura dei servizi pubblici, in maniera da ottenere economie di scala e migliorare l’
  • Abbiamo trasformato le Comunità di valle in enti di programmazione socio-economica per ridurre al minimo le duplicazioni di attività e di competenze e rafforzare il rapporto con i Comuni, semplificando la filiera amministrativa e mantenendo la qualità dei servizi.
  • È stata ottimizzata la presenza pubblica nella ricerca e nell’innovazione, dando vita ad una struttura stabile tra Università di Trento, FBK, FEM e Trentino Sviluppo per promuovere e valorizzare i risultati della ricerca in Trentino.
  • Abbiamo avviato il piano di razionalizzazione delle società pubbliche che porterà alla riduzione del numero complessivo da 14 a 7, attraverso l’aggregazione per poli specializzati.
  • Si è voluto puntare sulla qualità della dirigenza pubblica: le nuove modalità di reclutamento richiedono maggiori competenze e migliori doti manageriali. È stato introdotto l’albo unico dei dirigenti e adesso gli incarichi non sono più a vita: si può perdere l’incarico e giungere fino al licenziamento in caso di cattive valutazioni.
  • Per ridurre la spese correnti e destinarle agli investimenti, abbiamo applicato il blocco del turn over e per ogni 10 dipendenti che cessano dal servizio ne viene assunto solo 1: in questo modo i dipendenti, per la prima volta nella storia dell’autonomia, diminuiscono in maniera costante, passando dai 4.930 del 2014 ai 4.750 del 2016, con un numero di dirigenti in organico pari al 2,4% (incidenza inferiore rispetto a tutte le Regioni italiane). Abbiamo voluto incrementare così la qualità della nostra Pubblica Amministrazione, prima tra le italiane in base alle classifiche OCSE e 36esima tra le tutte le Regioni europee.

PER LE FAMIGLIE

Sono state sostenute le famiglie attraverso tanti strumenti. Solo per citarne alcuni: il reddito di garanzia, l’assegno regionale al nucleo familiare (27.000 famiglie interessate per un contributo complessivo di 30 milioni di euro), l’assistenza odontoiatrica, la riduzione dei canoni di affitto, l’abbattimento delle tariffe degli asili nido per 3,7 milioni di euro, gli assegni di studio, gli interventi di conciliazione famiglia-lavoro, il reddito di attivazione, l’assegno di cura, l’anticipo dell’assegno di mantenimento, l’assegno di maternità, la family-card, il voucher sportivo e lo sky family. Dove il bisogno si manifesta concretamente, lì c’è il sostegno pubblico.

Sono state eliminate l’addizionale regionale all’IRPEF (per soggetti con reddito fino a 20.000 euro) e l’IMIS sulla prima casa (escluse le case di lusso) e sono stati introdotti il contributo energetico per le famiglie numerose (6.000 famiglie interessate per un importo complessivo di 1,2 milioni di euro) e l’esenzione del ticket sanitario per il terzo figlio (200.000 euro).

A tutto questo si aggiungono le riduzioni, rispetto ai valori applicati a livello nazionale, sulle tasse automobilistiche (-20%), sull’imposta per le assicurazioni fino al minimo consentito dalle regole nazionali (9%), sulla tassa per il diritto allo studio universitario (140 euro contro i 200 di diverse Regioni).

Complessivamente le risorse per interventi a favore delle famiglie sono state aumentate da 132 a 164 milioni di euro. A queste vanno aggiunte le riduzioni tariffarie per i servizi funzionali all’istruzione, come il trasporto, la mensa scolastica e il prolungamento nell’orario della scuola dell’infanzia.

Vanno inoltre aggiunti gli interventi a favore dell’edilizia abitativa agevolata e popolare. È stata portata avanti la rinegoziazione dei tassi d’interesse sui mutui agevolati per l’edilizia abitativa, che ha già interessato 4.400 casi con un risparmio per i beneficiari di circa 10 milioni di euro.

PER LE IMPRESE

Tutte le manovre economico-finanziarie sono state pensate per dare impulso alla crescita economica, mettendo al centro il sistema delle imprese locali e favorendo l’insediamento di nuove. Complessivamente la nostra Provincia ha sostenuto il sistema imprenditoriale con interventi diretti nell’ordine di 44 milioni di euro e interventi indiretti per 237 milioni.

Abbiamo sostenuto le imprese con agevolazioni fiscali aggiuntive rispetto a quelle nazionali. I benefici fiscali dai 160 milioni di euro del 2015 sono stati aumentati ai 180 del 2016 con i 20 milioni per la riduzione IMIS.

È stata incentivata la nuova imprenditorialità, accogliendo tutte le domande di finanziamento presentate, con un aiuto complessivo di circa 10 milioni di euro, a fronte di investimenti complessivi per la nascita di nuove imprese di oltre 22 milioni di euro. La priorità è stata data ai progetti d’impresa che hanno visto come protagonisti i giovani, le donne, i disoccupati e a coloro che per la prima volta intraprendevano progetti imprenditoriali.

Con la riforma degli appalti sono state semplificate e rese meno onerose le procedure di gara, sono state introdotte nuove tutele per i lavoratori e, soprattutto, si è costruito un sistema che punta alla piena valorizzazione delle piccole e medie imprese del Trentino: meno subappalti e più appalti con ripartizione in lotti più piccoli per favorirne l’accesso.

Il Governo, approvando la norma di attuazione sui contratti pubblici proposta dalla Provincia, ha riconosciuto la peculiarità del nostro sistema economico, basato su un territorio orograficamente complesso, fatto di piccole e micro imprese, dove è fondamentale al contempo tutelare gli aspetti sociali e ambientali del lavoro. In tal modo si conferma e si consolida la competenza della Provincia nel recepire direttamente le direttive comunitarie, introducendo istituti che meglio si conformano alle specifiche peculiarità del territorio trentino e che semplificano la partecipazione delle piccole e delle medie imprese, in particolare per i contratti relativi all’acquisizione di beni e servizi.

Con la nuova legge provinciale sulle cave sono state introdotte nuove misure per contrastare la crisi del settore, per migliorare la gestione del sistema del porfido, per assicurare un più forte coordinamento delle attività a sostegno del settore e una maggiore competitività del sistema produttivo locale.

La Provincia sta lavorando per favorire l’interconnessione tra le imprese con il Progetto Manifattura Domani e il Centro di innovazione per l’edilizia sostenibile, le energie rinnovabili e le tecnologie per l’ambiente: quest’ultimo ha in previsione lavori che quintuplicheranno gli spazi produttivi a disposizione delle aziende. Nel polo della Meccatronica si stanno costruendo nuovi laboratori di ricerca e sviluppo; i nuovi cluster produttivi renderanno le nostre imprese più connesse ed innovative e permetteranno loro di competere meglio sui mercati internazionali. Nei sei incubatori di impresa di Trentino Sviluppo operano oggi 116 aziende che danno lavoro a 720 persone.

È stata rafforzata la proiezione internazionale del sistema d’impresa e favorita l’aggregazione delle aziende provinciali sui mercati esteri, con i progetti sulla meccatronica, il food e il green. Inoltre ci stiamo impegnando per la costituzione di una rete organizzata dei Trentini all’estero, come leva per far nascere e favorire nuovi rapporti economici, commerciali e culturali.

Abbiamo sostenuto il settore edile potenziando gli interventi per le ristrutturazioni edilizie e l’efficientamento energetico, attraverso sgravi fiscali e altri incentivi destinati alle abitazioni private, ai condomini, agli edifici pubblici, al Fondo Housing Sociale Trentino che realizza alloggi popolari in partnership con il privato. Particolarmente utilizzata l’iniziativa per l’assunzione a carico della Provincia degli interessi per l’anticipazione al primo anno delle detrazioni di imposta sulle case di abitazione. Nel 2016 sono state ammesse 1.800 domande a fronte di interventi per 164 milioni di euro e nel 2017 sono state presentate finora 400 domande per una spesa potenziale di 39 milioni. Si sta cercando anche di attivare un piano straordinario a fondo perduto di natura anticongiunturale per la concessione di contributi per l’acquisto dell’abitazione principale.

Si vogliono anche semplificare i procedimenti amministrativi ed evitare controlli estenuanti e vessatori. Per questo la Giunta provinciale ha già definito la nuova normativa per la semplificazione amministrativa per quanto riguarda l’attività delle imprese e dei cittadini: le pubbliche amministrazioni, in una logica di piena collaborazione, dovranno esprimere le proprie autorizzazioni, pareri e nulla osta in un’unica sede e in tempi certi. Il cittadino non sarà più costretto a “vagare” da un ufficio all’altro per acquisire gli atti necessari, ma sarà l’ente pubblico che, a fronte di un’istanza, dovrà attivarsi per valutare la richiesta da ogni punto di vista. Ogni anno la Provincia, direttamente o attraverso le sue agenzie, effettua circa 40.000 controlli alle imprese. Nel corso del 2017 la Giunta provinciale ha approvato un piano per ridurre il numero di controlli, cercando di valorizzare le forme di controllo interno e di certificazione delle imprese.

Nel settore del credito cooperativo, abbiamo fortemente sostenuto, anche politicamente, sia a livello locale che nazionale, il progetto – ora realtà – di un polo nazionale a trazione trentina, perché vogliamo che le nostre casse rurali rimangano patrimonio delle nostre comunità, siano protagoniste nelle decisioni che le riguardano, possano continuare a sostenere il nostro sistema sociale ed imprenditoriale e contribuire al finanziamento della nostra Autonomia attraverso il pagamento in loco delle imposte.

PER L’AGRICOLTURA

Abbiamo stimolato la competitività del settore agricolo attraverso il Piano di Sviluppo Rurale 2014-20, per il quale – attraverso una serrata trattativa con lo Stato – abbiamo messo a disposizione ben 301,5 milioni di euro, circa 30 milioni in più rispetto alla precedente programmazione.

Abbiamo anche preteso una Politica Agricola Comune europea (PAC) che premi maggiormente le aziende di montagna e favorisca la qualità imprenditoriale piuttosto che le rendite e le superfici come fatto finora. In totale l’aumento del Premio Unico vale oggi circa 20 milioni di euro in più rispetto alla precedente PAC, mentre verrà progressivamente eliminato il gap che permetteva alle aziende fuori provincia, dotate storicamente di titoli premio più robusti dei nostri, di risultare più aggressive ad esempio nelle offerte per i pascoli di malga. L’assegnazione risulterà più favorevole ai Trentini anche grazie ad un nuovo disciplinare per un bando tipo per l’assegnazione degli alpeggi, che ora abbiamo messo a disposizione dei nostri Comuni. Nel settore delle assicurazioni l’efficienza del sistema trentino ci ha permesso di beneficiare di circa 25 milioni di euro del Fondo nazionale e di 100 milioni del PSRN. Anche in questo caso l’implemento dei fondi ottenuti rispetto alla precedente PAC è di circa 20 milioni di euro. Possiamo complessivamente affermare che il valore PAC trattato per il Trentino si colloca a circa 65 milioni di euro in più rispetto alla precedente programmazione.

Stiamo lavorando per un’agricoltura più protagonista e multifunzionale, capace di rapportarsi con i settori del turismo, della ristorazione e della promozione territoriale, sia per rafforzare il presidio sul territorio che per rendere più attraente e riconoscibile il Trentino, attraverso incentivi concreti e la partecipazione ad attività promozionali dell’agricoltura in occasione di manifestazioni turistiche.

Per il settore lattiero-caseario sono state messe in campo importanti iniziative promozionali per sostenere le produzioni DOP e di qualità e garantire un più alto prezzo del latte ed è stato finanziato il nuovo stabilimento di Latte Trento per un valore complessivo di quasi 10 milioni di euro. Nel settore dei piccoli frutti si è favorito e sostenuto finanziariamente il progetto di riqualificazione della Cooperativa S.Orsola con oltre 8 milioni di euro. Con altrettante risorse si è favorito lo sviluppo del settore frutticolo di Melinda, in particolare per l’investimento delle celle ipogee e la diversificazione nel campo della cerealicoltura. Si è convintamente operato per promuovere il rafforzamento del sistema della commercializzazione della frutta con il primo importante risultato dell’accordo firmato tra Melinda e la Trentina. Nel settore irriguo sono stati investiti oltre 20 milioni di euro, di cui oltre 5 milioni nell’Alto Garda per il completamento del sistema irriguo particolarmente utile all’olivicoltura.

Sono stati attivati bandi specifici per floricoltura, avi-cunicoltura, acquacoltura e per il completamento di opere in campo irriguo per ulteriori complessivi 12 milioni di euro. Sulla misura del PSR per investimenti sono ad ora già stati messi a disposizione del sistema agricolo trentino circa 30 milioni di euro, che in prospettiva svilupperanno un volume di investimenti che, con la compartecipazione privata, supererà la considerevole cifra di 70 milioni.

Per garantire liquidità alle aziende si sono anticipati i pagamenti del PSR e dei premi PAC. Sono stati già liquidati circa 10 milioni di euro di saldo 2016 e ci siamo portati finalmente in linea con i pagamenti della nuova PAC e con le scadenze previste, eliminando il ritardo accumulato. Con il Veneto e Bolzano siamo gli unici ad aver rispettato il programma.

Una nuova organizzazione in ambito informatico sostituirà l’appalto esterno che da anni coadiuva la nostra Agenzia di Pagamento, migliorando velocità e performance del nuovo organismo pagatore. È prevista inoltre una moratoria sui debiti contratti dalle aziende con un nuovo strumento costruito da Cooperfidi per intervenire a sostegno di chi, prevalentemente a causa delle gelate o della siccità di questa primavera, abbia patito particolari difficoltà finanziarie. Per venire incontro alle difficoltà provocate dall’eccezionale maltempo di quest’anno siamo tempestivamente intervenuti con uno stanziamento aggiuntivo e straordinario, a favore delle aziende maggiormente colpite, di 7,5 milioni di euro.

Vogliamo continuare a lavorare sulla qualità collegata alla sostenibilità, a investire di più sui giovani e a sostenerli nell’acquisto della terra e nelle spese di avvio, come abbiamo fatto in questi anni finanziando quasi tutte le oltre 330 domande di primo insediamento presentate.

PER IL TURISMO E LA PROMOZIONE DEL TRENTINO

Nel settore turistico sono state messe in campo iniziative per aumentare l’attrattività complessiva del nostro territorio, attraverso la promozione dei marchi e l’utilizzo diffuso delle nuove tecnologie, con l’obiettivo di un territorio fruibile 365 giorni l’anno. In particolare un terzo delle risorse umane di Trentino Marketing è stato dedicato alla rivoluzione digitale in particolare sul web, ma soprattutto sui social. Nel frattempo si è registrato un incremento del tasso di utilizzo degli alloggi turistici ed un consistente aumento delle presenze turistiche: il 2016 è stato il miglior anno di sempre, con 914.000 pernottamenti e 275.000 turisti in più rispetto al precedente anno e con 5,7 milioni di arrivi e 30,9 milioni di presenze che hanno generato un gettito di tassa di soggiorno, da noi istituita, di 14,5 milioni di euro, che vanno a parziale copertura dei 40 milioni che investiamo ogni anno in promozione. Il 2017 vedrà il Trentino raggiungere un nuovo record.

Gli investimenti infrastrutturali più importanti in ambito turistico hanno riguardato il sistema degli impianti a fune. Tra i progetti finanziati ricordiamo la riqualificazione del sistema funiviario San Martino di Castrozza-Passo Rolle, il nuovo impianto del Ghiacciaio Presena, il collegamento funiviario Alba-Col dei Rossi. L’operazione più importante che abbiamo messo in campo ha però riguardato le modalità di attivazione e gestione delle società. Si è in generale proceduto a recedere dalle partecipazioni in via diretta, acquisendo asset funiviari o bacini di accumulo idrico laddove utilizzabili per altri scopi, come l’uso per la zootecnia o per l’antincendio. Questa iniezione di liquidità ha riportato innanzitutto la situazione finanziaria delle aziende ad una condizione di sostenibilità. Successivamente si è provveduto con bando pubblico ad assegnare gli impianti a società del luogo, che, forti di una situazione di debito gestibile ma soprattutto responsabilizzate da un impegno diretto e privato, hanno determinato una condizione mai vista prima in Trentino. Nessuna società ha chiuso l’ultimo esercizio finanziario in perdita ed anzi molte di esse hanno davanti a sé un programma di investimenti particolarmente vivace.

Da sottolineare anche l’esito positivo della gara per la gestione delle Funivie Folgarida Marilleva che ha visto prevalere l’offerta di attori locali, pubblici e privati, consentendo di valorizzare in chiave territoriale un asset funiviario a cui è riconducibile di fatto una buona parte del turismo dello sci del Trentino occidentale.

Abbiamo investito sui marchi “Qualità Trentino” e “Trentino” come garanzia di eccellenza delle nostre produzioni nell’agroalimentare e nell’artigianato, ampliando il paniere dei prodotti ed investendo su un’efficace e costante campagna promozionale. Intendiamo cosi stimolare ulteriori investimenti e dare alle nostre imprese un elemento di forte riconoscibilità e un vantaggio competitivo rispetto ad una concorrenza sempre più agguerrita.

Per l’agroalimentare si è attivato inoltre un nuovo specifico canale di promozione che si affianca ad un rafforzamento dei fondi europei OCM già utilizzati per la promozione del vino. Ma anche una nuova divisione in Trentino Marketing, che completa il quadro della promo-pubblicità dell’agri-food anche con eventi ad hoc (es. LatteInFesta) e coordina anche le attività locali e le inserisce in rete con le manifestazioni del territorio. In tal senso si è coordinato, anche rafforzandone l’operatività finanziaria, il sistema delle Pro Loco e delle “Strade dei sapori”.

PER L’INFRASTRUTTURAZIONE DIGITALE

Abbiamo avviato il progetto per il wi-fi gratuito su tutto il territorio provinciale e abbiamo potenziato la rete nella pubblica amministrazione per essere sempre più vicini ai cittadini, soprattutto a quelli più lontani dai servizi.

Con il progetto “Montagna digitale”, entro il 2020 chiunque e ovunque avrà connessioni a Internet con la banda ultralarga. Per il progetto sono stati stanziati 90 milioni di euro, di cui 42 a carico della Provincia, per garantire ai cittadini una connessione minima da 30 a 50 Mbps su tutto il territorio provinciale e connessioni ad almeno 100 Mbps per le imprese, per le attività libero-professionali e per gli istituti scolastici.

Un investimento decisivo se si pensa che la generalità delle aziende ubicate in territori non ancora raggiunti dalla connettività ha registrato un consistente incremento della propria redditività a seguito della diffusione della banda larga.

PER IL LAVORO

Si stanno sperimentando modelli di gestione del mercato del lavoro meno rigidi per venire incontro alla situazione specifica di ciascun lavoratore, dalla riqualificazione delle professionalità all’integrazione provinciale per gli assegni di disoccupazione statali.

Adesso le politiche attive del lavoro sono diventate più specifiche per far incontrare al meglio domanda e offerta, per trasformare la precarietà in stabilità, piuttosto che perpetuare gli stati di necessità.

È stato attivato il fondo territoriale intercategoriale di solidarietà per andare incontro ai soggetti in difficoltà: ogni tutela statale nel Trentino è rafforzata con politiche specifiche della Provincia. In questa cornice, è stato introdotto il reddito di attivazione come strumento provinciale integrativo rispetto agli strumenti nazionali e per accompagnare il ricollocamento occupazionale.

Per favorire l’ingresso dei giovani nel mercato del lavoro, attraverso il programma Garanzia Giovani, sono stati attivati complessivamente 2.835 percorsi, tra orientamento, formazione, apprendistato, servizio civile.

Con il Fondo di solidarietà territoriale, il Trentino sarà il primo territorio con una forma di protezione per i lavoratori delle piccole e medie imprese. Il Fondo, finanziato da lavoratori e aziende e sostenuto dalla Provincia, garantirà l’accesso agli ammortizzatori sociali e alle politiche attive del lavoro a circa 52.000 dipendenti.

PER LA SCUOLA E LA FORMAZIONE

Utilizzando anche 18 milioni di fondi europei (che saranno complessivamente 36 fino al 2021) abbiamo dato vita al progetto del trilinguismo (italiano, tedesco e inglese) fin dai primi anni della scuola dell’obbligo, attraverso metodi innovativi di insegnamento, per rendere così più competitivi i ragazzi di oggi nel mercato del lavoro di domani. Dal 2020 tutte le scuole garantiranno l’apprendimento per vivere in un ambiente trilingue.

Forte è stato l’investimento sul capitale umano della scuola, attraverso un potenziamento dell’autonomia scolastica negli aspetti didattici e organizzativi, a cominciare dalla possibilità per gli istituti di optare, dall’anno scolastico 2018-2019, per la settimana di cinque giorni. Sono stati stabilizzati, anche attraverso concorso, 1.047 tra docenti e personale ATA, garantendo una maggiore qualità del servizio e la certezza del posto di lavoro. A settembre procederemo con altre stabilizzazioni.

Assieme alle amministrazioni locali, abbiamo lavorato per la sicurezza e l’efficienza degli edifici scolastici: sono stati ammessi a finanziamento circa 60 interventi per nuovi edifici o per la messa in sicurezza di strutture esistenti, con un investimento di circa 85 milioni di euro.

Abbiamo favorito un collegamento proficuo tra scuola e mondo del lavoro, attraverso il sistema duale, l’apprendistato formativo e la realizzazione di poli specialistici vicini, anche fisicamente, ad aziende innovative come la Meccatronica di Rovereto e la filiera dell’Agrifood di San Michele all’Adige.

Per favorire l’accesso all’istruzione universitaria, abbiamo riformato gli strumenti per il diritto allo studio. Ci siamo fatti promotori con l’Euregio della scuola di formazione per figure amministrative internazionali a Bolzano e abbiamo conferito alla Fondazione Mach di San Michele all’Adige un ruolo sovraregionale per la ricerca e la formazione in ambito agricolo, agroalimentare e ambientale.

PER LA SALUTE

Uno dei primi atti del Governo provinciale è stato l’adozione del piano per la salute dei prossimi dieci anni, oltre alla prevista costruzione del nuovo polo ospedaliero del Trentino. Abbiamo attivato il fondo sanitario integrativo Sanifonds Trentino e il piano per gli elicotteri di soccorso che ora sono attivi h24. In questo modo avremo una sanità più efficiente e pronta a misurarsi con i cambiamenti derivanti dalle trasformazioni tecnologiche, dalla telemedicina all’assistenza sociosanitaria da remoto.

Dalla comunità scientifica nazionale ed internazionale e da accreditamenti verificabili di enti terzi, sono arrivati significativi riconoscimenti della complessiva eccellenza della sanità trentina, che si è dimostrata attenta al rapporto con il cittadino, capace di valorizzare non solo l’ospedale del capoluogo ma anche i professionisti di tutti gli ospedali di valle.

Forte (e lo sarà sempre di più) è stata l’attenzione ai portatori di bisogno, agli anziani, alle fasce deboli (assegno di cura) e alle loro famiglie. È stata avviata una incisiva riorganizzazione della struttura sanitaria e al contempo promossa la collaborazione con i professionisti altoatesini ed austriaci.

Con apposite norme, abbiamo stimolato i giovani medici a stabilire un rapporto di appartenenza con il Trentino. Grande spazio è stato dato all’innovazione, con un forte sviluppo del digitale a tutto vantaggio del cittadino-paziente-utente.

PER LO SPORT ED IL VOLONTARIATO

È stata approvata, con il determinante contributo degli Autonomisti, una nuova legge che cambia in maniera significativa le politiche provinciali a sostegno dello sport trentino, semplificando le norme per il finanziamento del volontariato. Grande attenzione viene riservata ai giovani, alla parità di genere e alla disabilità, con l’obiettivo di rafforzare il pluralismo del movimento sportivo trentino e la sua valenza economica e sociale.

È la prima legge in Italia che riserva un capitolo speciale all’aspetto sanitario e al coinvolgimento diretto delle scuole.

Come autonomisti abbiamo presentato una proposta di legge per rendere più semplice e veloce, anche dal punto di vista burocratico, l’attività del volontariato e del terzo settore, prevedendo l’istituzione dell’albo unico provinciale delle organizzazioni di volontariato ed, in particolare, di una piattaforma informatica, collegata direttamente con i singoli enti interessati, che permetterà di declinare tutta la procedura burocratica in un unico documento di richiesta e in un unico documento di risposta caricato sulla piattaforma stessa.

PER IL TERRITORIO

Per interventi in infrastrutture e opere pubbliche sul territorio l’impegno di spesa è di 1.470 milioni di euro, di cui 970 milioni gestiti dalla Provincia e i restanti 500 dai Comuni.

È stato completato, con il nuovo regolamento urbanistico-edilizio, il percorso iniziato con la riforma dell’urbanistica per ridurre i tempi e semplificare fortemente le procedure per l’approvazione dei piani regolatori e dei piani territoriali, per stabilizzare il quadro normativo e uniformare i criteri urbanistici sull’intero territorio provinciale.

Ma anche per incentivare il recupero e la riqualificazione dei volumi già esistenti invece di nuove costruzioni, per risparmiare territorio e tutelare la bellezza di un paesaggio unico nel suo genere. Il tutto attraverso una forte condivisione degli obiettivi e degli strumenti per incentivare e premiare chi progetta bene e investe nel settore senza dover sottostare a procedure e tempi eccessivi o rigidità ingiustificate.

Il Trentino per noi deve essere la terra dove la bellezza si esprime su ogni cosa, dal paesaggio alle colture agricole, dal contesto urbano al recupero dei centri storici e delle testimonianze più significative del nostro passato.

 

PER LA MOBILITÀ

Fra le opere più urgenti ed impegnative, è stato l’avvio al collegamento Loppio-Busa, strategico per lo sviluppo dell’Alto Garda, e sono stati appaltati i lavori per la circonvallazione di Cles. Entro la legislatura si avvieranno i primi interventi significativi volti al contenimento del traffico nella città di Rovereto: il sottopasso ciclopedonale di Piazzale Orsi, la realizzazione di una nuova stazione delle autocorriere e dei relativi parcheggi per promuovere la pedonalizzazione e la mobilità sostenibile, la valutazione sulla tangenziale leggera.

Accanto all’impegno per il rinnovo per la concessione della A22, è stato sottoscritto un nuovo accordo con Trenitalia, della durata di nove anni che vede un risparmio di 9 milioni di euro rispetto al passato, per la ferrovia della Valsugana e la linea del Brennero tra Verona e Bolzano. A partire da settembre ci saranno sei nuovi treni e maggiore attenzione al trasporto-bici.

Inoltre è stato siglato uno schema di accordo quadro con la Rete Ferroviaria Italiana per la verifica della fattibilità dell’elettrificazione della linea della Valsugana, l’analisi di una possibile linea metropolitana Trento-Mattarello, la verifica di fattibilità del progetto di collegamento della Valsugana fino a Feltre.

 

I PROSSIMI PASSI

 

IL TERZO SIGILLO PER LA NOSTRA AUTONOMIA

Siamo alle soglie del Terzo Statuto di Autonomia, uno Statuto unico fra Trento e Bolzano. La Consulta ha elaborato il documento preliminare e, alla conclusione del percorso partecipativo, si dovrà fare una sintesi con la proposta approvata dalla Convenzione di Bolzano. Quando e se ci saranno le condizioni, presenteremo un disegno di legge costituzionale per modificare l’attuale Statuto. Per ora è importante predisporre un testo aggiornato, lungimirante e condiviso, sapendo che la partita con le Istituzioni nazionali dovrà poi essere affrontata con grande prudenza, visto il clima tendenzialmente ostile del Parlamento. Perché noi vogliamo un’autonomia riconoscibile e riconosciuta ancora più nettamente, che sia insieme solidale, responsabile e dialogante con tutte le realtà territoriali e istituzionali esterne.

PRIMI NELL’ISTRUZIONE, AL PASSO COI TEMPI

Vogliamo continuare lungo la strada intrapresa per realizzare una piena autonomia scolastica, qualificando l’offerta formativa provinciale e introducendo dei sistemi innovativi di valutazione sia degli insegnanti che dei dirigenti scolastici. Vogliamo migliorare il sistema di reclutamento dei docenti per renderlo più flessibile ed efficiente, contrastando ad ogni livello il fenomeno della dispersione scolastica.

LA CULTURA CHE DEVE FARE SISTEMA

In questi anni abbiamo investito molto nel settore della cultura, sia nel numero di musei (alcuni dei quali fra i migliori a livello nazionale), sia negli eventi proposti, che nel sempre maggiore coinvolgimento del volontariato e dei cittadini.

Adesso dobbiamo concludere una doppia operazione: puntare ad una conduzione coordinata delle strutture museali e culturali, in maniera da conquistare efficienza e massa critica nella promozione dell’intero sistema, e inserire pienamente la cultura nell’affermazione del marchio “Trentino”, perché anche la cultura contribuisce nel dare valore all’identità trentina. Non solo musei, ma anche spettacoli, servizi culturali, biblioteche e ogni altra realtà che non solo conservi ma produca cultura e la renda accessibile a tutti e in ogni parte del Trentino.

Ma la cultura è anche senso d’appartenenza che si coltiva attraverso la storia e la memoria: per questo gli Autonomisti hanno promosso la realizzazione del Memoriale dei caduti della Prima Guerra Mondiale e l’istituzione ufficiale della giornata del ricordo dei Trentini morti nel tragico conflitto bellico che ha stravolto la nostra terra.

LA NOSTRA TRIPLA “A”: AGRICOLTURA, ACQUA, AVVENIRE

Vogliamo rendere ancora più strategico il settore agricolo perché non riguarda solo l’economia ma anche la nostra storia sociale. Intendiamo puntare sulla sostenibilità della nostra agricoltura per dare valore aggiunto alle produzioni di qualità. Abbiamo approvato il regolamento attuativo del PAN (Piano d’Azione Nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari), ma soprattutto abbiamo avviato un progetto, in collaborazione con APOT, che promuove ed evidenzia i vantaggi collettivi derivanti dalla sostenibilità della nostra agricoltura ed abbiamo messo in campo misure per l’utilizzo corretto degli effluenti di allevamento. È stata anche avviata una specifica campagna di indagine epidemiologica e di studio per rilevare la presenza e/o potenziali residui di fitofarmaci nella popolazione e nell’ambiente.

L’acqua è un elemento essenziale della nostra agricoltura; per questo vogliamo coinvolgere le istituzioni, i consorzi e le aziende per assicurare la mutualità tra territori, aggiornando i sistemi di distribuzione a basso consumo. L’obiettivo sono 13.000 ettari di irrigazione a goccia su 15.000 complessivi.

Dovremo affrontare un massiccio e coraggioso piano di reimpianti viticoli e frutticoli ed individuare strumenti finanziari ad hoc per finanziarlo e puntare su varietà innovative o resistenti, che hanno un minor impatto ambientale e migliori rese economiche.

Il meccanismo dei fondi per la stabilizzazione del reddito degli agricoltori completerà il quadro delle future misure economiche per l’avvenire dei nostri agricoltori.

UN ULTERIORE PASSO: PAESAGGIO E RECUPERO URBANISTICO

Porteremo avanti il progetto di recupero dei paesaggi rurali per riportare all’agricoltura 600 ettari in tre anni e difendere la bellezza del territorio attraverso la demolizione degli immobili fatiscenti, la valorizzazione di quelli esistenti e la progressiva dismissione del patrimonio non utilizzato.

Sono in programma interventi per riconvertire le fonti energetiche a favore delle energie rinnovabili per ottenere risparmi sulla spesa energetica, anche attraverso l’anticipo gratuito ai privati delle detrazioni fiscali relative a interventi di ristrutturazione edilizia ed energetica.

LA MOBILITÀ DI UN TRENTINO PIÙ CONNESSO

Vogliamo implementare il trasporto pubblico, soprattutto ferroviario, per alleggerire la pressione della mobilità automobilistica e migliorare i collegamenti tra i territori. Ad esempio il “progetto Nordus” (la metropolitana di Trento) prevede il prolungamento della ferrovia Trento-Marilleva fino al nuovo ospedale di Trento. Ma anche il “progetto Rovereto-Alto Garda” per collegare via rotaia l’Europa centrale con il Lago di Garda e il “progetto Ferrovia delle Dolomiti”, con il collegamento Primolano-Feltre.

Stiamo lavorando per potenziare la mobilità elettrica, dando attuazione al piano provinciale di recente approvazione e puntare gradualmente a un Trentino Zero Emission. L’obiettivo è facilitare l’accesso alle fonti rinnovabili con lo sviluppo di una rete infrastrutturale di ricarica delle auto elettriche, per giungere entro la fine del 2018 a 400 postazioni e a 2.500 entro il 2025. Ma anche incentivare l’acquisto di automobili, scooter e bici elettriche, attraverso contributi provinciali che ammontano complessivamente a 21 milioni di euro e puntare così a una significativa riduzione delle emissioni inquinanti e ad un Trentino più attrattivo.

Il Trentino può già contare su 460 km di piste ciclabili, ma la “grande opera” è il completamento dell’anello ciclabile del Garda, che attraverserà Trentino, Veneto e Lombardia per un totale previsto di 124 km, un percorso di grande rilevanza turistica e ambientale. Al finanziamento del progetto, del costo preventivato di 130 milioni di euro, contribuiranno, oltre alla nostra Provincia, lo Stato e le Province di Brescia e Verona.

PIÙ VALORE PER LA COMUNITÀ DAL PATRIMONIO PUBBLICO

Vogliamo completare il censimento del patrimonio dei Comuni per avere una conoscenza esatta del patrimonio immobiliare pubblico inutilizzato e che può essere valorizzato, per un valore che ad oggi è stimato in 158 milioni di euro. Vogliamo conferire gli immobili non destinati ad attività istituzionali a fondi immobiliari per consentire una piena valorizzazione in chiave economica. In questo modo sarà possibile avere entrate supplementari per finanziare nuovi progetti e riutilizzare immobili che oggi sono poco o per nulla utilizzati.

Vogliamo utilizzare la spesa pubblica come leva per incentivare l’investimento privato attraverso il partenariato pubblico-privato nel settore dei servizi e il contributo di scopo per coinvolgere il privato nel finanziamento di progetti strategici e nell’utilizzo di immobili pubblici non strategici da valorizzare in chiave economica.

L’EUREGIO E L’APERTURA ALL’EUROPA

È fondamentale continuare a rafforzare i legami con la Provincia di Bolzano e con il Tirolo austriaco, attraverso il Gect dell’Euregio e la Comunità d’Azione del Brennero, ma anche con la Macroregione Alpina, attraverso la strategia EUSALP. Gli obiettivi sono un maggior coordinamento politico sulle strategie comuni, anche attraverso la promozione della nostra storia ed il riconoscimento formale dell’ufficio di rappresentanza comune di Bruxelles, che sta portando ad importanti risultati anche di natura politica.

VALUTAZIONE E DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

Ogni progetto, come tutta l’attività pubblica, dovrà avere una rendicontazione non solo burocratica e procedurale, ma anche di condivisione pubblica dei risultati.

L’intervento pubblico va perciò monitorato e valutato, anche per consentire una verifica del rapporto tra risorse impiegate e risultati raggiunti. La responsabilità pubblica deve promuovere scelte collettive e progetti, ma deve anche dar conto delle risorse utilizzate.

Vi sono stati momenti di confronto sulle opere pubbliche prioritarie, realizzabili con i portatori di interesse individuati dalle Comunità di Valle, allo scopo di discutere dei possibili interventi strategici che interessano i vari territori. Sui progetti sono stati attivati, con la supervisione dell’Autorità per la partecipazione locale, strumenti di partecipazione (OST) aperti a tutti. I risultati sono confluiti, per ciascuna Comunità, in uno schema generale di accordo di programma oggetto di condivisione, attraverso specifiche conferenze, tra la Provincia, le singole Comunità e i rispettivi Comuni e infine approvato dalle amministrazioni interessate.

 

VERSO FINE LEGISLATURA

 

Manca poco più di un anno alla fine della legislatura. Quel che resta è un tempo sufficiente per realizzare quanto descritto e altre opere che, per brevità, non sono state menzionate. Vogliamo portare il Trentino nel futuro.

Abbiamo una lunga storia di sacrifici ma anche di importanti risultati, raggiunti con l’impegno, la dedizione, il coraggio ed il lavoro della nostra gente.

Abbiamo alle spalle decenni di crescita senza interruzioni, che ci hanno permesso di evolvere da una società povera a una società prospera. In questi ultimi anni, per una serie di fattori nazionali ed internazionali, la nostra Provincia ha rallentato la crescita, anche perché siamo stati chiamati in maniera sempre più gravosa a contribuire economicamente al risanamento del bilancio nazionale.

Adesso abbiamo bisogno di rivitalizzare il ciclo dello sviluppo, con più efficacia nella gestione delle risorse e quindi con ancora maggiore determinazione, perché non possiamo permetterci smagliature nel nostro tessuto sociale.

Dobbiamo dare il meglio di noi stessi ed essere anche più ambiziosi, perché abbiamo tutte le carte in regola per crescere economicamente e socialmente.

Siamo figli dell’Autonomia, consci e responsabili di quella forza intrinseca che ci deriva dall’analisi concreta dei problemi e dalla ricerca incessante delle soluzioni più utili che abbiamo sempre cercato di perseguire con orgoglio e serietà. Perché siamo gente seria, che, prima di ogni cosa, crede in se stessa.

 

La Giunta provinciale e il Presidente Ugo Rossi, il PATT e la coalizione del Centrosinistra Autonomista sono al lavoro per raggiungere risultati migliori per la comunità di oggi e per le generazioni future.

Andiamo avanti, completiamo l’opera.