Privacy Policy

Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Silvia Betta votata all’unanimità Coordinatrice PATT per l’Alto Garda e Ledro

19/02/2019

Votata all’unanimità la nuova Coordinatrice Silvia Betta. Come Vicecoordinatore nominato Jacopo Leonardi. Nel corso dell’Assemblea eletti anche i componenti del Consiglio Provinciale del Partito e i delegati per il Congresso del 24 marzo. I candidati alla Segreteria e Vicesegreteria hanno presentato le loro tesi congressuali.

Si è svolta ieri, a Riva del Garda, l’Assemblea d’ambito delle sezioni Alto Garda e Ledro. La riunione, presieduta dal Coordinatore uscente, nonché candidato alla Segreteria, Carlo Pedergnana ha visto la votazione unanime di Silvia Betta come Coordinatrice e di Jacopo Leonardi come Vicecoordinatore. I due erano stati candidati alle scorse Provinciali.

Eletti inoltre i delegati che andranno a partecipare e a poter esercitare il diritto di voto nel prossimo congresso del 24 marzo 2019 dove il Partito Autonomista Trentino Tirolese rinnoverà le proprie cariche politiche. I delegati per l’Alto Garda e Ledro sono 12, eletti all’unanimità su proposta del Coordinatore uscente: Silvia Betta, Giovanni Santoni, Paolo Nguyen, Marco Zanoni, Guido Trebo Luca Sgarito Gentian Koci, Luca Rigatti, Lucia Maffei, Michela Zanoni, Jacopo Leonardi e Ugo Cellana. A questi si aggiungono 10 delegati supplenti: Ivo Bridarolli, Luca Marconcini, Fatmir Hoxha, Shkelqim Sorraj, Lucio Beltrami, Giuliano Rosà, Angelo Spinelli, Simone Ribaga, Cesare Rosa e Francesca Rigatti. Sono stati poi votati anche i componenti del consiglio provinciale del PATT: Giuliano Rosa, Ginetta Santoni Marco Torboli, Marco Zanoni e Giorgio Mora ai quali per diritto si aggiunge anche la Coordinatrice Silvia Betta.

Espletate le fasi procedurali, si è dato il via alla presentazione delle tesi congressuali dei tre candidati alla Segreteria del PATT: Bergamo Roberta e Marchiori Simone. A seguire sono state presentate le tesi per la Vicesegreteria di Lorenzo Conci, collegata alla tesi di Simone Marchiori, e di Roberta Bergamo.

Sono stati discussi anche i due documenti programmatici che hanno visto l’intervento di Patrizia Pace in rappresentanza del Movimento femminile e del Consigliere Lorenzo Ossanna come cofirmatario, insieme a Roberto Stanchina, del documento dal titolo: “Il futuro inizia oggi, non domani”.

Per quanto riguarda il Movimento Giovanile ha preso la parola Luca Marconcini, il quale ha ricordato ai presenti l’importanza di coinvolgere i giovani nella politica sottolineando che in questo periodo anche il Movimento Giovanile è in fase di rinnovamento e che esiste un gruppo molto attivo a cui tutti i giovani sono invitati a partecipare.

Il Presidente della Commissione Congresso Michele Dallapiccola ha voluto ringraziare i presenti, i candidati alle cariche per il prossimo Congresso e tutti gli eletti, sottolineando il clima costruttivo e di serenità con cui ha avuto inizio questa prima riunione precongressuale.

Un saluto è venuto anche dalla Consigliera provinciale Paola Demagri e dal Segretario in carica Franco Panizza.

A chiudere i lavori il Coordinatore uscente nonché candidato alla Segreteria Carlo Pedergnana.

“Vorrei ringraziare tutti i presenti– ha affermato Pedergnana – per essermi stati vicini in questo cammino da Coordinatore. Ho ricevuto e dato molto al partito; ritengo giusto, anche in vista della mia candidatura alla Segreteria, lasciare il posto ad altre persone. Il mio augurio di buon lavoro va alla nuova Coordinatrice Silvia Betta e al Vicecoordinatore Jacopo Leonardi. Da parte mia l’impegno e il sostegno alle Sezioni non diminuirà, credo negli ideali Autonomistici, soprattutto in un momento difficile come questo sia per la politica sia per la nostra Autonomia. È necessario – conclude Pedergnana – riflettere ed elaborare il progetto politico del Partito Autonomista coinvolgendo ed ascoltando i territori. Per questo mi impegno fin da ora nell’ascolto e nel farmi portatore delle istanze del nostro amato Trentino”.