Privacy Policy

Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

CREDITO COOPERATIVO: GRUPPO NAZIONALE A TRAZIONE TRENTINA. SODDISFAZIONE E ORGOGLIO DEL PATT

16/01/2019

Il PATT esprime soddisfazione per la nomina dei trentini Giorgio Fracalossi come primo Presidente e di Mario Sartori come Amministratore Delegato del nuovo gruppo bancario cooperativo Cassa Centrale Banca. Il primo gruppo del credito cooperativo in Italia non avrà, quindi, solo sede legale a Trento, con tutti i risvolti positivi che questo comporta dal punto di vista del prestigio bancario e, soprattutto, per gli apporti positivi al nostro bilancio provinciale, considerato che la sede in Trentino garantirà alle nostre casse introiti in termini di tasse pagate stimati in alcune decine di milioni di euro.

“Il percorso di Cassa Centrale Banca – afferma il Segretario Politico del PATT Franco Panizza – è il risultato innanzitutto dell’efficienza, della credibilità e dell’affidabilità costruite in questi anni dal nostro sistema cooperativo. Ma è anche un percorso che gli autonomisti hanno convintamente sostenuto sia a livello provinciale, con l’appoggio da parte della Giunta presieduta dall’autonomista Ugo Rossi, sia soprattutto a livello nazionale con le iniziative politiche degli autonomisti e gli emendamenti presentati dal Gruppo per le Autonomie e approvati dal Parlamento per consentire la creazione di più gruppi bancari cooperativi.

Il PATT si congratula con Giorgio Fracalossi, Mario Sartori e con l’intero mondo del credito cooperativo trentino per questo prestigioso traguardo. Chiediamo però anche al nuovo Consiglio di amministrazione – conclude Franco Panizza – di garantire il mantenimento di un forte collegamento con il proprio territorio di riferimento e di assicurare ampie forme di autonomia e autogoverno alle Casse Rurali che hanno dimostrato efficienza e capacità di gestione, pur mantenendo inalterati i valori del credito cooperativo, orgoglio del nostro Trentino e della nostra Autonomia.”