Privacy Policy

Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Manfred Weber capolista PPE alle elezioni europee

09/11/2018

Mandred Weber

Il bavarese Manfred Weber sarà il capolista del PPE alle elezioni europee del 2019. PATT ed SVP esprimono la loro soddisfazione. 

Il Partito Popolare Europeo (Ppe), gruppo a cui il PATT e la SVP aderiscono come osservatori, ha scelto durante il congresso generale di Helsinki il suo capolista per le elezioni europee del prossimo maggio.

Si tratta di Manfred Weber, quarantasei anni, attuale capogruppo Ppe in Parlamento europeo ed esponente della Csu, l’Unione cristiano-sociale in Baviera. 

Il politico tedesco, che il Segretario politico del PATT Franco Panizza ha avuto modo di incontrare diverse volte, l’ultima al congresso di Malta dello scorso anno, ha ricevuto 492 voti, pari al 79,2%, e ha battuto nettamente lo sfidante finlandese Alex Stubb.

Alle prossime elezioni europee, in programma a maggio 2019, Weber sarà quindi il candidato di punta alla successione di Jean-Claude Juncker, forte del fatto che il ruolo di presidente della Commissione Ue è occupato dal 2004 senza discontinuità da un membro del Ppe.

Oltre settecento delegati provenienti da tutti gli stati membri dell’Ue hanno partecipato al congresso del Ppe nella capitale finlandese. Tra questi c’era l’europarlamentare regionale Herbert Dorfmann, in rappresentanza anche del Partito Autonomista Trentino Tirolese, che ha accolto con favore la nomina di Weber. 

Dorfmann ha partecipato al congresso di Helsinki in quanto membro del direttivo del gruppo Ppe al Parlamento europeo.

Così, anche a nome del PATT, si è congratulato con il collega tedesco che dovrà ora guidare i cristiano-democratici europei nell’imminente campagna elettorale: “Manfred Weber ha una visione chiara per l’Europa. È una cosa particolarmente importante in questi tempi difficili”.

Weber è noto per la sua abilità nel cercare il compromesso, per un modo di discutere calmo e sempre ancorato ai fatti e si è dimostrato un importante alleato per il nostro rappresentante al Parlamento Europeo. Per questo Dorfmann lo ha già invitato a visitare durante la campagna elettorale anche la nostra Regione.

Weber verrebbe eletto presidente se i partiti aderenti al Ppe dovessero essere quelli a ottenere più seggi alle elezioni al Parlamento Europeo. Secondo il meccanismo dello “Spitzenkandidat”, infatti, il partito europeo che ottiene più seggi è quello che ha il diritto di indicare il presidente della Commissione.

In foto l’on. Dorfmann e Manfred Weber.