Privacy Policy

Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

PATT: coerenza e responsabilità alla base di ogni percorso politico

06/09/2018

politica

Dopo le vicende avvenute nel corso della giornata di ieri (05/09/2018), che hanno visto il caos all’interno del mondo dei Civici (il Polo Civico Territoriale), il Segretario Politico del Partito Autonomista Trentino Tirolese, Franco Panizza, ha voluto ribadire la linea politica.

Gli organi di informazione – afferma Franco Panizza – riportano la notizia che il PATT starebbe valutando l’ipotesi di sedersi nuovamente a tavoli di trattativa politica. Questa notizia non ha nessuna base di verità. Il PATT si mantiene coerente.

A tale scopo ribadisco – prosegue Franco Panizza – che il PATT ha già deciso di presentarsi alle elezioni con candidato presidente il Presidente in carica Ugo Rossi e che è disponibile a dialogare con chiunque condivida il nostro progetto politico e amministrativo.
Non ha, pertanto, nessuna intenzione di partecipare ad un tavolo che si è rivelato inconcludente per mesi, che ha sconfessato irresponsabilmente l’operato del governo provinciale e i risultati ottenuti con la guida autonomista e che si è trasformato in un teatrino della politica che ha superato ogni limiti della decenza e ha calpestato ogni principio di coerenza e di lealtà.

Il PATT  – conclude Franco Panizza – prosegue responsabilmente per la sua strada, coerente con la propria storia e con il percorso politico e amministrativo seguito in questi anni in perfetta sintonia con gli amici dell’Alto Adige – Südtirol.
Lo dobbiamo alla comunità trentina che non merita lo spettacolo a cui stiamo assistendo in questi giorni“.

Come stabilito dal Consiglio del Partito – del 27 agosto 2018 – il PATT sostiene compatto la candidatura di Ugo Rossi come Presidente. La coerenza e la responsabilità sono le caratteristiche fondanti di un partito che da 70 anni rappresenta la gente e il territorio Trentino. Noi autonomisti abbiamo il dovere di mantenere la tenuta e lo sviluppo del nostro sistema autonomistico, oggi minacciato da forze politiche dirette da Roma o da Milano.