Privacy Policy

Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

I giovani, l’Europa e futuro del turismo

03/07/2018

I giovani, l’Europa e futuro del turismo

I giovani del PATT in Austria, per parlare del futuro del turismo e per rafforzare i rapporti europei tra autonomisti.

Proprio nei giorni in cui l’Austria assume la presidenza di turno del Consiglio dell’Unione Europea, una delegazione dei giovani del PATT era a Lech in Vorarlberg per parlare di turismo e intrecciare nuove relazioni europee. Dal 28 giugno al 1 luglio si è tenuto infatti l’annuale incontro organizzato dalla Junge Alpenregion, dedicato quest’anno al futuro del turismo.

La Junge Alpenregion è composta dai movimenti giovanili di numerosi partiti dell’arco alpino, provenienti da Austria, Svizzera, Germania e naturalmente anche dai giovani autonomisti del PATT.

Nel corso dell’incontro, grazie a relazioni, dibattiti e visite sul territorio, sono state affrontate le problematiche del turismo e le sfide future da trattare e risolvere politicamente. Nella giornata di sabato l’argomento è stato illustrato sia da rappresentanti politici che da esponenti delle categorie economiche della cittadina di Lech, nota per il suo turismo invernale. Proprio il tema della stagionalità e dell’eccessivo sfruttamento del territorio sono stati al centro del dibattito che ha interessato l’intera giornata.

Durante la discussione è emerso come gli stessi problemi interessino località turistiche dell’intero arco alpino, Provincia di Trento inclusa. Al termine dell’incontro è stata quindi redatta una risoluzione nella quale sono state condensate tutte le idee emerse durante il dibattito. Tra le soluzioni proposte la destagionalizzazione, anche in riferimento all’esperienza di Lech, vista come un modo per evitare il turismo stagionale di massa e l’eccessivo sfruttamento ambientale, oltre che per valorizzare il territorio in ogni stagione. La tutela dell’ambiente sarà la sfida principale per il turismo del futuro, che deve sapersi trasformare in una risorsa per tutti, operatori, ospiti e residenti. Per raggiungere questo obiettivo è fondamentale la partecipazione sempre più attiva del settore agricolo, ed è proprio con questo spirito che i delegati del PATT, Arianna Dallaporta e Mauro Agosti, hanno regalato ai relatori un pezzo di Trentingrana, uno dei simboli dei prodotti di qualità del nostro territorio.

Con questo meeting internazionale la Junge Alpenregion si è dimostrata ancora una volta una fondamentale piattaforma di formazione e di contatto tra i giovani dell’arco alpino. I delegati austriaci, in particolare, hanno ricevuto in quest’occasione il mandato di farsi tramite con la presidenza del consiglio dell’Unione Europea per mantenere un dialogo constante tra tutti gli stati membri, allo scopo di trovare ai problemi soluzioni stabili e durature nello spirito europeo.

Trento/Lech am Arlberg 02.07.2018